Home Attualità Roma: nuove norme per gli affitti brevi. La posizione di Property Managers...
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Roma: nuove norme per gli affitti brevi. La posizione di Property Managers Italia

0
property managers italia

L’Associazione Property Managers Italia, principale associazione nazionale della ricettività turistica residenziale, accoglie con favore il nuovo regolamento del Comune di Roma che obbliga i portali online ad agire da sostituti d’imposta per il versamento della tassa di soggiorno per gli affitti brevi a partire da gennaio 2020, ma pone due interrogativi sulle modalità di riscossione e di identificazione.
Il comune di Roma ha infatti introdotto un nuovo codice identificativo, il CIU, che in queste giorni viene trasmesso via PEC ai titolari delle strutture ricettive e delle case vacanze, che si aggiunge a quello già in uso nella regione Lazio.

“Sono perplesso, almeno quanto i titolari di strutture ricettive, nel vedere l’ennesimo codice identificativo, stavolta comunale, introdotto senza alcun preavviso o pubblicazione del relativo provvedimento”, dichiara Sergio Lombardi, Dottore Commercialista ed Esperto Fiscale dell’Associazione Property Managers Italia “Ci auguriamo che sia realmente utile all’identificazione di chi è tenuto a versare l’imposta di soggiorno e non un semplice aggravio amministrativo dall’utilità non immediata”

Property Managers Italia
Il presidente dell’associazione Property Managers Italia Stefano Bettanin aggiunge da Barcellona, dove ha rappresentato l’Italia all’evento internazionale Short Stay Summit: “È sicuramente positivo che una grande città come Roma abbia raggiunto l’accordo per riscuotere in maniera efficace l’imposta di soggiorno, un provvedimento che permetterà di scremare l’abusivismo sui portali e ottenere risorse per migliorare i servizi al turista nella Capitale. Dato però che l’imposta potrà essere riscossa solo dai portali che gestiscono il pagamento in anticipo, speriamo di non assistere semplicemente a una fuga dai portali per evitare l’obbligo”.

Property Managers Italia ha ribadito la propria posizione mercoledì 13 novembre a FuTouRoma al Roma Conference Center “La Nuvola”, incontro che fa parte del percorso partecipato verso il Piano Strategico del Turismo 2019-2025 di Roma Capitale. I rappresentanti di Property Managers Italia Pietro Abbate Marescotti e Sergio Lombardi sono stati invitati dal Comune di Roma fra i 150 rappresentanti della filiera produttiva turistica capitolina.

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
5/5 (2)

Lascia una valutazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here